Che male c’è – libro secondo

Con immenso orgoglio, soddisfazione e sollievo annuncio che il secondo volume della trilogia Che male c’è è finalmente pronto. Spero con questo di compensare almeno un po’ di voi per le lunghe assenze dal blog.Copertina3.jpg

A chi lo volesse posso, come al solito, spedirlo. Costa 18 euro comprese le spese di spedizione. Avrei voluto tenere il prezzo più basso ma già così è poco rispetto alle spese. Sono mesi che faccio indagini di mercato – cioè, ogni volta che mi capita in mano un giornale vado dritta alla pagina dei libri e senza leggere le recensioni guardo il prezzo. Ieri qualcuno di importante per l’economia italiana alla radio si augurava che tornasse ad aumentare l’inflazione. Per i libri non mi sembra ci siano problemi: costano un casino.

Per chi li volesse avere consegnati di persona può venirseli a prendere qui, oppure sarò a Udine tra l’11 e il 12 (per SUNS). A breve li porterò anche alla Libreria Friuli e spero a breve farò una presentazione.

A breve dovrebbe essere disponibile anche su IBS, dove spesso fanno sconti e quindi non mi offendo se lo prendete lì, ed è già sul sito della Phasar, dove potrete leggere anche un’anteprima.

Infine, dopo aver esitato a lungo se condividere il link o no, perché leggere elogi della lettura mi fa sempre sentire un po’ invasa o espropriata, come quando qualcun altro descrive troppo intimamente quello che dovrebbe essere un *nostro* piacere, decido di rimandare coloro i quali si chiedessero perché leggere il mio romanzo o romanzi in generale a quello che dice Neil Gaiman in difesa della lettura e delle biblioteche. Non si può dire niente di definitivo sulla lettura, per fortuna.

Ah: ovviamente, questo libro andrebbe letto dopo aver letto il primo. Ho ancora un po’ di copie anche di quello.

Annunci

2 risposte a “Che male c’è – libro secondo

  1. «…Leggere era per me invasione e conforto, era la mia consolazione, il mio stimolante preferito: leggere per il puro gusto della lettura, per il meraviglioso silenzio che ti circonda quando ascolti le parole di un autore riverberare dentro la tua testa…»
    (Paul Auster, Follie di Brooklyn)

    «Il nome di uno scrittore, il titolo di un libro, possono a volte, e per alcuni, suonare come quello di una patria.»
    (Leonardo Sciascia)

    Iniziare un libro è come varcare la porta di casa della tua ragazza quando i suoi genitori sono fuori: non sai bene cosa succederà, ma sai che avrai sicuramente qualcosa da ricordare; e ti senti subito a casa tua, anche se in realtà stai bellamente spaparanzato sul divano di un altro.
    (mk)

    Correte subito a comprare l’ultimo libro di Gaia!

  2. Bello!
    Ho aggiornato il post: sulla pagina della Phasar c’è già il libro e l’anteprima, su IBS dovrebbe comparire a breve.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...