Bristol Pound

Siccome avevo espresso preoccupazione, posso pubblicamente rassicurare sul fatto che ieri sera la presentazione è andata bene.

Nei giorni scorsi ho letto questo testo sulla fine dell’economia della crescita, sul nuovo clima che ci aspetta e sulla resilienza delle comunità: ve lo consiglio se avete pazienza, ci sono molti spunti interessanti. Una delle cose che più mi ha colpito è scoprire che Bristol ha una sua moneta, la sterlina di Bristol– una cosa seria, tanto che il sindaco viene pagato interamente con essa. I vantaggi sono evidenti: i soldi rimangono all’interno della comunità anziché andare a multinazionali e ricconi di chissà dove; si incentiva la trasparenza e la coesione sociale, e si incoraggiano piccole attività economiche locali. Mi piacerebbe molto una cosa simile qui, magari una moneta non solo udinese ma friulana, visto com’è il nostro territorio. Gli SCEC ci sono già, a livello italiano, e io ho già detto di essere disposta ad accettarli, solo che non hanno la stessa solidità e diffusione, mi sembra, del Bristol Pound. D’altro canto, la sterlina di Bristol è gestita da una banca locale e qualcuno potrebbe storcere il naso (non io, se la banca è controllata dalla comunità e al suo servizio). Inoltre qui non è legale pagare interamente in SCEC; mentre con la moneta di Bristol si possono persino pagare parte delle tasse. Mi chiedo perché gli inglesi abbiano invece tanta libertà. Forse c’entra il fatto di stare fuori dall’euro…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...