slot machine

Segnalo questa campagna contro le slot machine nei bar. Molto volentieri aggiungo alla lista dei miei boicottaggi i locali dove si trovano slot machine e videopoker. Conosco una persona che per colpa di quegli aggeggi si è mangiata il lavoro e tutta l’eredità. È una cosa seria.

Annunci

5 risposte a “slot machine

  1. E’ davvero un fenomeno inquietante. Ho un amico che cura la contabilità ad un bar che ospita alcune di queste trappole mangiasoldi, e qualche mese fa mi raccontava esterrefatto che il bar (che credo sia anche molto ben accorsato) introita molto più dai videopoker, che non dalla somma di tutti gli altri servizi che offre. Il proprietario – mi diceva – non le eliminerà mai (lui cerca di dissuaderlo), perché sono la sua ‘gallina dalle uova d’oro’.

    Mio fratello, invece, mi racconta che spesso presta denaro a colleghi che addirittura finiscono per perdere tutta la mensilità (che non è bassissima) alle slot machines, e quindi non riescono in quel mese a fare fronte a spese impreviste. Con molti ha smesso, perché ha capito che così facendo non faceva che danneggiarli: meglio capire la dissenatezza del gioco d’azzardo quando i debiti contratti sono ancora trattabili.

    E’ un fenomeno davvero grave, di cui però si parla poco. Mi hanno molto colpito le stime sull’epidemiologia e sul mercato generato, riportate in questa pubblicazione del Dipartimento sulle Politiche Antidroga e sulle Dipendenze: il numero dei «giocatori patologici gravi» nel 2011 era stimato tra lo 0,5% e il 2,2% della popolazione (cioè tra 302.093 e 1.329.211 persone!), mentre il flusso economico prodotto, al netto delle entrate erariali, è aumentato dai 22.3 miliardi di euro (del 2005) ai 71.2 miliardi (del 2011). Allucinante. Soprattutto se si pensa che nel frattempo lo Stato ha cercato (con politiche fallimentari) di smorzare il fenomeno, riducendo pure la quota percentuale delle entrate erariali dal 21,8% al 10,9% (a cui comunque ha corrisposto un incremento in termini assoluti dai 6.2 miliardi di euro agli 8.7).

  2. Grazie per il link! È lunghissimo ma cercherò di leggerlo, anche perché ho visto che tratta anche l’aspetto scientifico, molto interessante, della patologia.
    Cosa vuol dire accorsato?
    Comunque sì, d’ora in poi io cercherò di non andare in questi bar e di far circolare l’idea del boicottaggio. Tra l’altro sul sito che ho linkato ho letto osservazioni interessanti e non scontate su quanto sia difficile per chi ci lavora far fronte alle richieste di clienti con palesi dipendenze, e su come una persona che sta cercando di smettere non possa entrare in un posto del genere se non vuole rischiare una ricaduta.

  3. Scusami… qui nel profondo sud ‘accorsato’ vuole indicare un locale pubblico affollato, con molti avventori, florido.
    Non ne conosco l’etimologia, ma mi piace supporre che il termine voglia richiamare quei locali pubblici dell’Italia agli inizi del secolo scorso che – proprio perché ubicati in prossimita del ‘corso’ principale del paese – erano sempre pieni, a dispetto di quelli nascosti in zone più defilate. Forse invece deriva dal fatto che le persone ‘accorrevano’ in quei locali, e quindi il locale era… ‘accorsato’. Sinceramente non te lo so dire, lo usavano i miei nonni e mi è sempre piaciuto. Uno alle parole ci si affeziona. Qualche giorno fa avevo un discreto mal di testa, e la mia piccola Lulù mi guardava con i suoi soliti occhietti appuntiti. Che c’è papà? Ho mal di testa, Lulù, non ti preoccupare. E lei, tutta seria: ma è un mal di testa craniatico o cervellotico? Da quel giorno tutte le emicranie in tutto il mondo sono diventate più sopportabili…

  4. Sono completamente fuori strada. Pare sia il participio passato di ‘accorsare’… bruttissimo! All’aridità dell’etimologia commerciale, preferisco la mia erronea, ma pulsante di vita, visione del bar di paese, in piazza o sul corso, animato dal via-vai dei clienti che vi accorrono numerosi perchè «il caffè è più buono» o «la cassiera è proprio un sogno». Questo sì che è accorsato.

  5. Molto belle le tue etimologie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...