elogio egualitario del lusso

In una puntata del suo spettacolo di qualche mese fa Crozza raccontava di Landini che, quando gli è stato fatto notare che aveva il maglioncino come Marchionne, rispondeva: “ma il mio è comprato al mercato”. Crozza lo elogiava commosso: “resta così, Landini!” Io invece penso che, per uno che si batte contro la delocalizzazione, il minimo atto di coerenza richiesto sia comprarsi un maglione italiano. Magari in uno spaccio, magari uno solo per stagione, però un bel maglione italiano.
Si pensa, soprattutto a sinistra, che chi spende tanto per l’acquisto di un oggetto sia uno snob o, più spesso, un pollo. Io invece voglio sostenere che il giusto prezzo sia un concetto che deve appartenere alla sinistra e che chi cerca di spendere poco a tutti i costi vada criticato – non viceversa. Mi sento serena nel dirlo perché non dispongo di grandi capitali, anzi, per cui se posso comprare biologico io, per dire, può farlo davvero chiunque.
La mia tesi è che tutti debbano avere i mezzi per potersi concedere un po’ di ‘lusso’, e che sia bello desiderarlo. Importante: per lusso non intendo quello che si intende comunemente – che ne so, elettronica inutile di ultimissima generazione, capi di stilisti famosi, Porche, borse di Louis Vuitton, pochette in cucciolo di foca, corni amplificatori per i-phone placcati in oro, o simili. In generale, non mi riferisco a prodotti costosi ma globali e standardizzati con una decina di autori gratificati e ipercompetitivi e migliaia di esecutori a cui arrivano solo le briciole. Non parlo di status symbol, che servono a differenziare, non a fare contenti tutti. Né definisco lusso il riempirsi di grandi quantità di cose: penso invece, molto semplicemente, a oggetti (o cibo, o servizi, o arredamenti) di qualità, belli, curati, di cui si conosca l’origine e che diano piacere quando li si ha intorno o ne si usufruisce. Valgono anche cose autoprodotte o usate. Certo, c’è chi si sente asceta e aspira al minimo indispensabile, semplice e neutro – questo mi va anche bene, purtroppo però la semplicità oggi giorno, con la grande disponibilità di merce scadente a poco prezzo, diventa direttamente cattivo gusto, senza la purezza estetica dell’ascetismo.
Il lusso viene comunemente considerato superfluo: bè, anche andare a teatro è superfluo, fare una vacanza, leggere un libro o mangiare al ristorante. Allora non dovremmo fare nessuna di queste cose? Piuttosto, dovremmo incorporare la qualità nella nostra vita di tutti i giorni, anziché considerarla un’eccezione rara da vivere quasi con senso di colpa.
Non tutti siamo esteti, è vero. Io forse sono più sensibile di altri, ma non ce la faccio più a vivere circondata dalla bruttezza. Palazzine anonime, stracci dei centri commerciali addosso alle persone, cibo da supermercato sulle tavole, odori sintetici, arredamenti dozzinali, e così via praticamente per ogni cosa della mia vita. Viviamo nella bruttezza, salvo qualche settimana di ferie all’anno in cui cerchiamo rifugio in posti migliori, a loro volta sfregiati dal cattivo gusto o dalla pressione antropica. Io invece propongo: circondiamoci di bello, così staremo bene tutto l’anno. Non penso di dover dimostrare che tutti aspirano al bello, bello per ogni senso ovviamente, non solo per la vista. Se così non fosse, nessuno andrebbe al mare o in montagna, desidererebbe diventare ricco, curerebbe il giardino, sfoglierebbe i libri attratto dalla copertina, guarderebbe diverse case prima di comprarne una, e così via. Se così non fosse, non ci emozioneremmo davanti a un tramonto o a una vetta, o non faremmo i complimenti a chi si veste bene.
La mia obiezione allo stile di vita moderno in questo caso si articola in due punti: abbiamo perso il senso del bello, e non abbiamo la consapevolezza di averne bisogno.
Sul senso del bello penso che mi soffermerò in futuro: è un argomento troppo ampio. Sulla consapevolezza di averne bisogno, credo vada acquisita, e sarà più facile per chi si sente di sinistra se si comprenderà anche questo corollario: una società in cui tutti aspirano al bello e si impegnano per realizzarlo è una società di bellezza collettiva, in cui tutti stanno meglio.
Questo vale per l’urbanistica, o la gestione del territorio, che sono cose pubbliche, ma anche per la bellezza individuale. Io penso che una persona vestita in maniera colorata o di gusto, un balcone fiorito, un muro dipinto di un colore allegro, siano un piacere per tutti, non solo per chi possiede il vestito, il muro o il balcone.
Ma torniamo al lusso. Si dice che è la speranza per l’economia italiana: sfornare Ferrari e borsette di pelle da vendere ai ricchi emergenti della Russia e della Cina. Ma perché? Solo per la Dea Economia. Per i salari, per un po’ di prestigio. Perché gli operai che producono la merce di lusso guadagnino pochi soldi da spendere al centro commerciale, mentre chi li sfrutta possa concedersi tutto quello che vuole.
No. Tutti devono avere la possibilità di comprarsi qualcosa di bello, il mondo non deve dividersi in chi possiede quaranta vestiti di Valentino e chi si fa venire la sindrome del tunnel carpale per cucirli!!
Infatti io i vestiti li faccio da me. E se voglio comprare qualcosa, cerco di saltare intermediari e parassiti (quelle figure che si arricchiscono a dismisura grazie al lavoro altrui) e comprare direttamente dall’artigiano. Un’odiosa abitudine tipicamente friulana è, quando si chiede un prezzo e la risposta non piace, far capire chiaramente con un gesto o una frase che si considera quel prezzo eccessivo e che il venditore può sognarsi di riceverlo. Io invece dico sempre: “grazie”, oppure, sorridendo: “non posso permettermelo”. Ognuno deve poter chiedere il prezzo che ritiene di meritare per il proprio lavoro, e se il prezzo è troppo alto, semplicemente non lo riceverà, ma non dev’essere umiliato per questo.
Lo stesso vale per il biologico, l’equo solidale, l’artigianato, e così via. Una persona di sinistra (ma qualsiasi persona, sottolineo di sinistra perché a destra ci sono molti ricchi) non può riempirsi la bocca di discorsi sul lavoro e poi rifiutarsi di pagare al lavoratore il giusto prezzo! Quanti operai si vedono protestare contro la delocalizzazione vestiti da testa a piedi di merce prodotta in Asia in condizioni pessime e salari bassissimi?? Poi ci si giustifica dicendo che è l’unica roba che ci si può permettere. E se vai a vedere le case di queste persone, le trovi straripanti di oggetti inutili, prodotti a condizioni che loro rifiuterebbero. Capite il paradosso?
Vi faccio un esempio pratico di cosa intendo. Recentemente ho avuto bisogno, non scandalizzatevi, di un paio di mutande. Dato il mio budget ridotto, mi sono trovata a un bivio. Da un lato c’erano Intimissimi e Tezenis, con la loro merce dozzinale e solo apparentemente carina, di scarsa qualità e prodotta dove la manodopera costa poco (generalmente Sri Lanka), propagandata grazie a foto di donne tutte uguali pagate per i loro servizi infinitamente di più di quanto vengono pagati quelli che la biancheria l’hanno effettivamente fatta. Potevo comprare lì, da una di queste due mega aziende (tra l’altro i negozi delle catene a Udine tengono il riscaldamento acceso con le porte aperte, andrebbero boicottati anche solo per quello). Dall’altro lato invece c’era una giovane stilista inglese indipendente che si è messa in testa di rilanciare l’industria tessile britannica, e produce in piccoli laboratori locali biancheria di qualità in tessuti naturali. Ovviamente, la sua merce costa tre volte tanto. Ma è bellissima, curata nei più piccoli dettagli, e accompagnata da una serie di considerazioni storiche e ricerche estetiche. Questa stilista ha fatto rete con altre aziende animate dalla stessa filosofia, per aiutarsi a vicenda.
Tra le due possibilità, io ho deciso per la seconda (in saldo). Man mano che mi serviranno borse, altra biancheria, scialle, o persino gioielli, cercherò se possibile di fornirmi da artigiani locali, e ce n’è davvero tanti, le cui tecniche produttive, il cui impatto sull’ambiente e sui diritti dei lavoratori, e la cui filosofia artistica, posso conoscere personalmente. Nonostante le tasse e la troppa burocrazia, un artigiano è libero: decide come e quanto lavorare e gode direttamente dei frutti del suo lavoro. Fa qualcosa che gli piace e al ritmo che preferisce, o se non altro che contratta liberamente. Non era Marx a parlare di alienazione dell’operaio? Cosa c’è di più comunista del comprare da un piccolo artigiano?
Non voglio idealizzare questa figura: anche per gli artigiani è dura; spesso il loro è autosfruttamento. Ma penso che sia così perché le persone non li capiscono. Perché si dà troppa importanza al prezzo, piuttosto che al valore sociale creato spendendo un po’ di più – e si contratta come matti al ribasso.
Faccio un altro esempio. Per non cadere nello scontato, cioè cibo biologico ed equo solidale (con un budget di duecento euro al mese tutto compreso, ma ce la faccio), parlo delle penne. Non voglio più usare penne usa e getta. Sono brutte e finiscono subito. Da anni uso una penna di metallo ricaricabile, e l’ultimo refill ha retto a mesi di utilizzo intensissimo e non si è ancora esaurito. Devo ancora informarmi sulle tecniche di produzione, ma penso sia almeno meglio per l’ambiente perché si creano meno rifiuti. Sembra snob? Perché? Che male c’è a volere un oggetto bello e duraturo per un gesto quotidiano? Che male c’è a colorare una parete o una bicicletta, ad appendere un quadro, a presentare agli ospiti una tavola imbandita e curata quando vengono a cena? Sono tutti gesti che denotano la stessa aspirazione a circondarsi di bellezza.
Questo è diverso dal consumismo che ci impone di trovare brutto quello che ieri era bello, di essere sempre scontenti e nel tentativo vano di sfuggire a questa scontentezza distruggere il mondo. Fate caso ai tagli e ai colori di capelli di moda tra le donne, per esempio. Io li trovo sempre più brutti, eppure prendono piede. Perché? Perché nella nostra società è incomprensibile, una volta che troviamo qualcosa che ci piace, non volerlo comunque cambiare.
Aggiungo altri due esempi che sottolineeranno com’è conformista e borghese il codice vestimentario udinese e friulano. Gli udinesi e i friulani si vestono di colori scuri. E non dico smeraldo, borgogna o vinaccia: dico blu e nero, e i peggiori blu e i peggiori neri che ci siano. Vietato mostrare allegria, vietato distinguersi. Mi ricordo di commenti tipo: come ti vesti non sei un semaforo, o: come si è conciato quello (una sciarpa a righe rosse), e così via. Studiando l’antropologia dell’abbigliamento alpino tra sette e ottocento, rimango incantata da quanti messaggi mandasse il colore delle gonne, delle balze e dei grembiuli (donna nubile vs sposata, o vedova, appartenenze a un paese piuttosto che a un altro…), nonché quanta simbologia ci fosse nelle stampe e nei ricami. Nemmeno questo è rimasto. Ora l’unico messaggio che mandi è: quanto puoi spendere. Ho notato che in Veneto è più o meno la stessa cosa, e presumo in tutto il nord Italia.
(Sì lo so, le ho già scritte queste cose).
Il nostro abbigliamento triste, però, dev’essere lindo e ordinato. Sto combattendo una battaglia contro la mia famiglia che si vergogna che io metta i maglioni con i buchi. Nel mio terrorizzato atteggiamento negazionista riguardo alla presenza di insetti in casa, mi sono rifiutata di contemplare la possibilità di avere tarme: adesso è troppo tardi. Ma io quei buchi non li voglio chiudere: mi sembra una perdita di tempo e una resa intollerabile a imposizioni benpensanti.
Insomma, avrete capito che razza di contorta estetica risulta dalle mie idee e convinzioni (mi chiedevate i miei gusti: eccone un po’). Una specie di look da nobile decaduto dell’ottocento, che mette vestiti ottimi, ma tutti stracciati. Che studia e imita la cultura popolare proprio nel momento in cui la cultura popolare vuole imitare quella cittadina, e si appiattisce e si scurisce; che scopre il folk appena prima che si estingua (ora in realtà è estinto da un pezzo).
Avete mai fatto caso a quanto più belle sono le pareti il cui colore è un po’ venuto via, nei decenni, piuttosto che quelle dipinte di fresco? Nella nostra società iperconsumista, ci si è dimenticati anche della bellezza che si acquista nel tempo: la bellezza deve essere prodotta e smerciata velocemente, per esigenze di mercato.
Ma adesso veramente divago.
Concludo. Io, come ogni essere umano, aspiro al bello, non come evasione ma come ambiente. Non voglio la seconda casa: ne voglio solo una in un posto in cui sto bene. Non voglio cambiare vestiti: voglio averli belli. Non ho domeniche: mangio bene tutti i giorni, e per bene non intendo tanto o costoso, ma cose buone e sane. Voglio una redistribuzione dei redditi perché nessuno guadagni eccessivamente anche se è bravo, e perché tutti possano permettersi di vivere nella bellezza. Non nell’abbondanza. Nella bellezza.

Annunci

15 risposte a “elogio egualitario del lusso

  1. beh, l’estetica del déclassé non mi pare contorta: non sarà ortodossa ma ha una lunga storia, dalla russia alla francia. nel lusso accessibile a tutti, xò, io metterei pure la seconda casa: non sto bene in un posto se non posso andare altrove. quindi secondo me, non è che ti piace ciò che è bello, chiami bello (o giusto) ciò che ti piace. quando al ristorante chiedi una cosa, tu certo c’hai prima pensato, ma cmq la chiederesti se non ti piacesse?
    pensa a perché na cosa ti piace o no, più che pensare se ti piace o no, altrimenti qualcosa potrebbe infine pretendere di piacerti.

  2. gaiabaracetti

    Se tutti avessero una seconda casa, l’Italia sarebbe ancora più sepolta dal cemento di quanto non sia già. Non è possibile. Piuttosto, se vuoi cambiare aria, paghi un albergo (magari diffuso) o affitti (o scambi) un appartamento. Così puoi anche andare in posti diversi, se è quello che ti interessa.
    Io non parlo tanto di gusti, ma di cura per le cose, di consapevolezza, di attenzione. Non discuto, come ho già scritto, di preferenze all’interno di una categoria, piuttosto della frettolosità e sciatteria del mondo materiale in cui viviamo. Uno preferirà le ville venete, un altro i castelli medievali e un altro ancora i piccoli borghi, a uno piacerà Firenze e a un altro Amsterdam, ma le periferie italiane non piacciono a nessuno.
    I movimenti per la tutela del paesaggio sanno tutti quale paesaggio proteggere, anche se magari ordinerebbero piatti diversi al ristorante. Per capire cosa è bello e cosa no, almeno urbanisticamente parlando, ho letto una volta in un articolo (sul povero Nuovo) di pensare a questo: ci porteresti qualcuno a fare un giro turistico? Nessuno porterebbe amici che vengono da lontano nelle anonime periferie del nord est o su e giù per le autostrade della pianura Padana. Questo perché sono posti *brutti*.
    Che poi a molti piaccia quell’abominio che è Lignano, viola questa regola e resta effettivamente un mistero.

  3. Sul prezzo che siamo disposti a pagare la merce che acquistiamo ho letto una volta un interessante considerazione di un economista americano (uno di quelli che, credo, dopo averene combinate di tutti i colori si era un po ravveduto…). Diceva che fondamentalmente, nelle persone, esiste un profondo contrasto tra l’essere cittadino e l’essere consumatore. Come consumatore si vuole tutto a basso prezzo: viaggiare a basso prezzo, mangiare a basso prezzo, cose a basso prezzo. Ma il basso prezzo delle merci e dei servizi lo si ottiene spesso sfruttando il lavoro, distruggendo l’ambiente, scaricando dei costi sulla collettività e mettendo in atto tutta una serie di comportamenti che nessuno come cittadino vorrebbe subire e contro cui magari si manifesta. Nessun cittadino, come tale, accetterebbe cioè di essere sfruttato, che distruggessero l’ambiente dove vive ecc ecc. Ma il consumatore che è in molti di noi accetta belamente queste cose pur di pagare tutto il meno possibile….

  4. errata corrige: bellamente

  5. gaiabaracetti

    Ci sono per fortuna dei movimenti di cittadini-consumatori che cercano di scardinare questa logica: l’equo solidale, i gruppi di acquisto solidale che cercano un rapporto diretto con i produttori, ora i mercati dei contadini… Però per non soffrire o sentirsi fregati ogni volta che si sborsa di più bisogna interiorizzare il concetto di cui stiamo parlando, cioè che il bene dei lavoratori, della collettività e dell’ambiente costa. Come costa avere cose che valgano davvero.
    Allargando il discorso, io mi continuo a meravigliare che gli italiani si sentano poveri. Poveri?? Più poveri di prima, capisco. Ma dirsi poveri è una bestemmia: già non dover vivere in baracche o essere sicuri di mangiare almeno qualcosa tutti i giorni è un privilegio, guardando il mondo nel suo complesso. Inoltre gli italiani si dicono poveri mentre ancora possiedono un’automobile, mangiano carne, fanno una o due vacanze all’anno, sono pieni di apparecchi elettronici… sì, tutto un po’ meno di prima, ma stiamo ancora parlando di ‘di più’ stratosferici rispetto a come gran parte dell’umanità vive.
    Vorrei che i media, invece di paragonarci solo ai tedeschi, ci paragonassero anche agli africani, ai bengalesi, ai messicani… in fondo il mondo è interconnesso, e la sorte di uno dipende dall’altro. Per me non dovrebbe essere così, non a questo punto, ma intanto che lo è, mi guardo in giro.
    Riguardo ai consumi, io sto provando la strada del poco ma buono, e la consiglio a tutti.

  6. Il signor L. deve ammettere di provare una totale, assoluta, incondizionata simpatia per la signorina Gaia. Se ella indossarà il maglione bucato di cui parla egli sarà felicissimo di offrirle una abbondante ma sostenibile quantità di spritz e di cicheti 🙂

  7. gaiabaracetti

    Il signor L. è molto gentile

  8. Il mio commento vuole essere assolutamente costruttivo: tratti sempre argomenti interessanti con cognizione di causa e spirito critico ma lasciati dire una cosa: ….scrivi troppo, troppissimo! Molte volte non riesco proprio a finire di leggere il post e questo è un peccato per chi passa di qua e non arriva in fondo. Un po’ di sintesi per favore! 🙂 saluti

  9. gaiabaracetti

    Ringrazio, è vero spesso scrivo post lunghi, sperando che chi vuole arrivare in fondo magari legga in più volte, ma cercherò di sfrondare di più…

  10. Scriva quanto le pare, signorina Gaia, vedrà che pian piano troverà la sua misura. Il signor P. non ha torto nell’elogiare la sintesi, tenuto conto che i vuoti nel testo sono gli spazi ove i lettori possono collocare la propria elaborazione di quanto lei sostiene nei suoi scritti. E’ altresì vero che la sua attenzione a dimostrare e a precisare il suo pensiero le conferisce un tratto profondamente autentico e, spero non le spiaccia, tenero.

  11. ma chi è questo signor L,?

  12. dimmelo tu il tuo nome

    Era il Mercato della Lana, l’analogo per i vestiti del Mercato della Terra quindi super-equo-solidale, fatto con lana di pecora, tosata da pecore e cucito da pecore.

  13. La bellezza salverà il mondo!

    E uno dei risultati del consumismo liquido globalizzato, del modernismo, è il dilagare della bruttezza, della mediocrità, dello squallore che sono i segni esterni del consumismo e dello sfruttamento consumista.

    Abbigliamento intimo sostenibile: ti segnalo questa realtà.

    http://www.made-in-no.com/

    Il loro progetto non se la passa bene, purtroppo.

  14. Perché non se la passa bene? Ho comprato da loro e mi sono trovata bene.

  15. Hanno problemi di scala, vendite non sufficienti per sostenere il progetto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...