l’agricoltura e il petrolio

Ne parlavamo non molto tempo fa: la nostra economia, le nostre città, il nostro stile di vita si reggono sul petrolio. Adesso che il petrolio inizia a costare di più, il sistema vacilla.

Associazioni di settore come Coldiretti e Confagricoltura lanciano l’allarme: con l’aumento dei prezzi della benzina aumenteranno anche quelli del cibo. Prendo un pezzo del comunicato stampa di Coldiretti: “Per arare un campo di dimensioni medie – sottolinea la Coldiretti – un agricoltore italiano spende oggi 150 euro in più rispetto a un anno fa. … Oltre all’aumento dei costi per il movimento delle macchine come i trattori, in agricoltura il caro petrolio colpisce soprattutto le attività agricole che utilizzano il carburante per il riscaldamento delle serre (fiori, ortaggi e funghi), di locali come le stalle*, ma anche per l’essiccazione dei foraggi destinati all’alimentazione degli animali. Ma il nuovo record raggiunto dal prezzo della benzina ha un effetto valanga anche sulla spesa con un aumento dei costi di trasporto oltre che a quelli di produzione, trasformazione e conservazione. A subire gli effetti del record nei prezzi è, infatti, l’intero sistema agroalimentare dove l’86 per cento delle merci viaggia su ruota e si stima che un pasto percorra in media quasi 2mila chilometri prima di giungere sulle tavole.”
Chi vuole i pomodori anche d’inverno? Chi vuole mangiare carne tutti i giorni? Chi è troppo pigro per andare ai mercati dei contadini? E duemila chilometri, quando abbiamo contadini alle porte di ogni città?
Ecco le conseguenze. Spero che staremo più attenti.

* da quando in qua si riscaldano le stalle? una volta i contadini andavano nelle stalle a riscaldarsi… boh.

Annunci

3 risposte a “l’agricoltura e il petrolio

  1. La stalla per i vitelli la scaldano… anche se è un locale separato.

  2. ok grazie. forse una volta i vitelli venivano tenuti più a lungo con le madri? ammetto di non saperlo.

  3. Questo non te lo so dire. Al mio paese c’è una stalla che si vede molto bene dalla strada, dove è praticamente un capannone aperto per favorire la ventilazione (sai centianaia di mucche tutte assieme). I vitelli invece sono tenuti separati in un ambiente chiuso. Non so, non sono un esperto neppure io…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...