col mio pentolino

Lamentarsi della sacra sagra del Friuli Doc fa veramente vecchio brontolone, quindi non dirò nulla sulla qualità dell’ “offerta musicale” (classici banalissimi per andare sul sicuro e canzonette da matrimonio nella peggiore accezione del termine, che dimostrano la nostra più totale provincialità e mancanza di fantasia), sui volumi altissimi da far saltare i sanpietrini, o sui dieci coma etilici e più di cento interventi della croce rossa (perché l’alcol decisamente NON è un problema sociale e di salute pubblica nella nostra regione, possiamo stare tranquilli, piuttosto cacciamo il Sunsplash perché vino sì canne no), ammetterò che il cibo e il vino erano ottimi, che in fondo è quello che conta, e mi soffermerò sull’aspetto che mi ha più turbato in questi giorni: passeggiavo mio malgrado per le vie del centro e continuavo a inorridire per la quantità abnorme di plastica che finirà in discarica per colpa di questa grande manifestazione di vera friulanità.
Non trovo dati né sulla produzione di rifiuti né sulle presenze (il sempre ottimo Messaggero Veneto scrive: più 25% rispetto all’anno scorso, ma cosa significa?? se entra una persona a casa mia si registra un aumento del 33%), e non ho voglia di rompere le balle alla Net spa, quindi parto semplicemente da questo dato riportato dai giornali: “solo negli stand delle Pro loco sono state distribuite 92 mila pietanze e 54 mila calici di vino”, e questa non è che una piccola parte. Per quanto ho potuto vedere, quasi tutte le pietanze e il vino venivano dati in bicchieri e piatti di plastica.
Voi sapevate, continuo a ripetere a tutti in questi giorni, che nel Pacifico c’è una chiazza di plastica galleggiante grande circa quanto il Texas, e idem nell’Atlantico? Che la plastica dei piatti e dei bicchieri non verrà riciclata, è finita nella spazzatura mista, e da lì andrà in discarica o forse scapperà fino al mare?
L’amministrazione della città di Udine avrebbe benissimo potuto imporre: o piatti e bicchieri su cauzione (qualche stand si sarebbe occupato di lavarli e riportarli), o biodegradabili, altrimenti non si vende niente. Ovviamente non l’ha fatto. Sono sicura che in compenso Honsell ha detto qualcosa di molto generico ed efficace come al solito.
Nel mio piccolo, io ho cercato di ridurre il consumo di plastica andando in giro con un pentolino bollilatte attaccato alla borsa con un moschettone, come ho visto fare in Val Susa mentre aspettavamo l’assalto della polizia. All’occorrenza lo staccavo e lo facevo riempire. Mi sarebbe piaciuto un corno potorio alla maniera longobarda, ma non me lo posso permettere, e allora mi accontento del mio pentolino. Adesso cerco di portarlo con me a tutte le feste.

Annunci

11 risposte a “col mio pentolino

  1. In piazza XX settembre c’erano diversi stand dove davano il vino in un bel calice con 1 euro di cauzione, che può anche essere il costo di un bicchiere.
    Ottima trovata, la gente di solito penso lo riportasse con il rimborso dell’euro senza ripassare dalla cassa.
    Perchè non hanno fatto tutti così?

  2. perché non gli è stato imposto. ricordo che all’agosto medievale a gemona, un paio d’anni fa, ti davano su cauzione un bicchiere di (simil?) coccio che in realtà ho tenuto e ho ancora

  3. Bhe vista l’enormità del numero di persone il bicchiere di coccio la vedo dura fornirlo. Cmq perché non facciamo qualcosa per la prossima edizione e chiediamo al Comune di obbligare gli espositori ad usare materiale riciclabile? Piatti, forchette, bicchieri ci sono e non costano tantissimo in più!

  4. sì, dovremmo farlo, magari d’accordo con le associazioni ambientaliste

  5. Oltretutto sarebbe un ottimo spot per il Comune… provi a sentire il wwf?

  6. a “nome del mare”.. GRAZIE !!!!
    quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano, ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno (Madre Teresa)

  7. per parlare con le associazioni ambientaliste credo sia un po’ presto… proverò a sentire

  8. In verità no… per le manifestazioni come Friuli Doc ci vuole un anno per organizzarle. Avanzare la richiesta ora e fare un po’ di bagar mediatica potrebbe portare dei risultati. Farlo a 2 mesi dalla manifestazione no…

  9. ho scritto una mail con delle proposte… se vuoi dammi il tuo indirizzo che te la giro (puoi scrivermelo a gaiabaracetti@yahoo.com se vuoi)

  10. come non detto l’ho trovato…

  11. Ottima l’idea del pentolino… Però – per inciso – io ho cenato maluccio per due sere di seguito, mi pare che la voglia di “ricerca” che c’era nei primi anni sia stata sostituita da una chiara volontà di passare al modello “sagra paesana”, solo più in grande…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...