sullo scrivere e sul non scrivere

Innanzitutto, se a qualcuno interessa, adesso il mio libro è in vendita anche al Kobo Shop, quel negozio-galleria bellissimo in Via Palladio vicino all’università (e poi alla Libreria Moderna in Via Cavour e alla CLUF in Via Gemona, come prima).

Detto ciò, ammetto di non aver aggiornato molto il blog ultimamente. Questo non è un problema per nessuno, se non per me che mi chiedo: dovrei scrivere di più? La risposta è no, e nelle successive pedanti considerazioni spiegherò perché.
Il fatto è che al momento non ho niente da dire, o meglio, ho tantissime cose da dire, ma nessuna in forma così completa e originale da scriverla qui. Più in generale, io voglio scrivere, ma avere un altro lavoro mi libera dall’obbligo di scrivere per forza, e mi dà il tempo di leggere -e penso che in generale, se tutti leggessimo di più (e scrivessimo di meno) parecchi problemi del nostro paese e del nostro tempo sarebbero risolti quasi all’istante.
E quindi mi chiedo, senza naturalmente avere la risposta: quante cose sono scritte per dovere, o denaro, o routine, e non per necessità di comunicare qualcosa di nuovo? Quanti giornalisti (tanti, si vede benissimo) scoprono e coprono velocemente cose già scoperte e ricoperte dagli altri, quando basterebbe leggersi di più a vicenda per andare in profondità a turno invece di descrivere tutti insieme la stessa superfice? Perché queste cose vengano fatte naturalmente servirebbero dei lettori più attenti e paganti, o dei professionisti più umili e pazienti, che fanno le cose con calma.
E la ricerca? Quanta ricerca universitaria deriva dall’obbligo di giustificare la propria posizione e il proprio stipendio, piuttosto che dall’aver effettivamente scoperto qualcosa? Quando sento dire che in Italia ci sono pochi ricercatori, mi chiedo: in base a cosa? a quanti vorrebbero fare ricerca? alla media degli altri paesi? o a quanto dovremmo effettivamente sapere e ma nessuno è pagato per scoprire? e come si calcola questo?
Lo stesso vale per gli scrittori “in crisi di ispirazione” -non sarebbe meglio andassero a raccogliere patate? Addirittura: scrivere può essere un mestiere? E se uno in quel momento o per il resto della vita non ha più niente da dire? Per quanto sia stata in fondo una delle colonne portanti della mia vita, ho sempre visto la scrittura come un mezzo, non un fine. Ma se uno è giornalista o scrittore di mestiere, e deve andare a caccia di storie per riempire delle pagine se no non mangia o la gente si dimentica di lui, non sarebbe meglio facesse altro intanto, e tornasse a scrivere quando vede qualcosa che vuole raccontare o denunciare? Non sto dicendo, attenzione, che non debba essere pagato per quello che scrive, semplicemente che non dò più per scontato che sia un’attività unica e permanente. Questo perché considero il mio scopo nella vita “fare qualcosa che considero buono e utile”, e non “scrivere” di per sè.
Forse in altre forme espressive è diverso -uno può suonare tutta la vita la stessa canzone.
Comunque, sono assolutamente convita che nel nostro paese ci sia una sovraproduzione culturale, una combinazione di quantità ingestibile e bassa qualità, figlia di tanti mali diversi, tra cui anche il desiderio/bisogno di far soldi o farsi notare più che di comunicare.
Io non ho nessun potere in merito, posso solo dire la mia, e astenermi dallo scrivere quando non ho niente da dire, appunto. Anche il mio rapporto con il mensile con cui collaboro, il Nuovo, è basato su questo, cioè faccio articoli quando ci sono argomenti che io e loro pensiamo vadano trattati -ma non sento nessuna pressione.
So che quando la gente mi vede a lavorare in un bar, anche se è un bar di prestigio, spesso pensa ma non dice: ancora non ha trovato niente che sia nel suo campo? Ma qual è il mio campo, se non cercare di osservare e capire le cose? Così io voglio vivere perché così sono completamente libera, libera di parlare e libera di tacere, e non si può dimenticare che la libertà di fare una cosa necessariamente implica la libertà di non farla.

Ah: una volta ho letto questo. Magari un giorno lo rileggo e lo riassumo.

Annunci

3 risposte a “sullo scrivere e sul non scrivere

  1. ma lo sai che hai proprio ragione, lo scrivere deve essere un mezzo non un fine, “cosa fai nella vita?” “scrivo e basta” ” si ma se scrivi e non vivi di cosa scrivi???” forse tutti potremmo essere degli scrittori perchè tutti, almeno in un momento della nostra vita, abbiamo avuto qualcosa da dire!!!

    però a rogo quelle riviste chi, come, quando, novella 3000… e soppratutto quei libri scritti da bruno vespa e company!!!

    ps ho preso il dvd di paolo rossi questa sera si recita molier devi venire da me a vederlo!!

    baci

  2. è un equilibrio difficile, e dipende di cosa ci si occupa. per scrivere bisogna appunto avere il tempo di leggere e studiare, e chi ha un altro lavoro difficilmente lo trova, mentre chi fa solo quello, cioè leggere e studiare, rischia di trovarsi distaccato dalla realtà. poi, essere “dentro” alle cose non necessariamente dà una prospettiva migliore dell’essere più distaccati. ma sto dicendo banalità -il mio discorso iniziale era soprattutto sulla quantità di roba che si produce e ci si potrebbe risparmiare a vicenda
    (ricordo che quando ero a roma parlavo con dei ragazzi di lì, e vagamente il discorso era questo: criticavano quegli sceneggiatori e intellettuali vari che vanno a vivere tutti negli stessi quartieri e scrivono tutti cercando di raccontare il paese, ma in realtà non sanno di cosa stanno parlando perché vivono in un mondo a sè, il mondo della cultura e degli intellettuali appunto. qui è impossibile generalizzare ma sono arrivata a chiedermi se uno dei motivi per cui la produzione culturale italiana è così mediocre sia perché tanta gente non osserva ma riproduce cliché. poi vabbè questo è un altro discorso ancora e non sono in grado di sostenerlo al momento)

  3. ah e sulle riviste, almeno quelle non hanno (quasi…) la pretesa di essere prese sul serio. io mi incazzo molto di più quando vedo la superficialità della maggioranza degli articoli della repubblica e dell’espresso, che la gente prende come letture impegnate e raramente vanno davvero a fondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...