critiche a Saviano

Quando dico che sto leggendo un libro “di critica a Saviano” la gente storce il naso o si incupisce. Anche chi non ha letto Gomorra, o altri sui scritti, anche chi sa sì e no di cosa stiamo parlando. L’onestà intellettuale e l’amore per il pensiero critico non mi sono mai sembrati particolarmente comuni qui in Italia, direi così generalizzando, pensando a un paese in cui si è abituati a darsi battaglia in schieramenti più che a perdere tempo in analisi sofisticate.

Il fenomeno Saviano è un ottimo esempio. Quando è uscito, Eroi di carta, il libro di Alessandro Dal Lago, sociologo collaboratore de Il Manifesto, si è ovviamente attirato parecchie critiche, da destra e da sinistra. La fondazione di destra Fare Futuro, per esempio, ha scritto: “se non fosse per l’amore che abbiamo nei confronti della libertà di pensiero, ignorare il libro di Dal Lago sarebbe stata la cosa migliore da fare in un paese che odia i suoi eroi”, e poi ha accusato Dal Lago di unirsi al coro addirittura di Emilio Fede -una cosa che più ignominiosa non si può. Sulle pagine de La Repubblica, Adriano Sofri chiama “meschine” le critiche di Dal Lago. Un’opinione particolarmente interessante è quella di Paolo Flores d’Arcais, che taccia come “ignobile” l’attacco “a Saviano” senza averlo nemmeno letto. Questo “intellettuale” è un tale raffinato pensatore da invitare alla “non lettura” di un libro che lui stesso non ha letto, di consigliare: piuttosto mangiate il gelato o fatevi una scopata. Mi dispiace per lui che ha poco tempo e deve scegliere.

Invece il libro è una lettura piacevole e stimolante, che non solo non attacca Saviano, o meglio la sua scrittura e il fenomeno mediatico, in modo ignobile, bensì sottile e argomentato, anche se impietoso, ma oltretutto si prodiga in una tale carrellata storico-letteraria (leggermente sborona) da invitare il lettore a informarsi su un sacco di temi che con Saviano non hanno niente a che fare. A me il libro è piaciuto molto e ho intenzione di riassumerlo. E aggiungerò addirittura: a modo suo, dà anche un contributo alla lotta contro la mafia, invitandoci a ragionare sulle mancanze dello stato e della nostra società, piuttosto che sulle singole figure eroiche, per risolvere quello che è un problema enorme e complesso, ma non l’incarnazione del Male in Terra. Più o meno condivisibile, ma una signora opinione. (Ancora più interessante, poi, alla luce di quello che molti esperti scrivono sull’area grigia tra mafia e colletti bianchi, classe dirigente, e tutto quello che solitamente le viene contrapposto in modo netto.)

Parto dalla mia personale esperienza con Gomorra. L’ho letto non molto dopo la sua uscita, e, nonostante mi infastidisse un po’ la scrittura pesante e retorica, ero completamente affascinata e sconvolta dalle cose incredibili che raccontava. Avrei anch’io applaudito l’autore per quello che aveva fatto. Incontrando persone di Napoli e dintorni, tutti dicevano: non solo è tutto vero, ma è anche peggio: sai quante storie così potrei raccontarti io? Quindi Saviano non aveva inventato niente, anzi: la realtà era davvero così terrificante. La cosa curiosa di Gomorra, ma ci arriveremo dopo, è che sono le parti più incredibili ad essere vere, e quelle apparentemente più banali a far sospettare di non esserlo.

Il primo sentore che fosse così l’ho avuto un paio d’anni dopo, quando ormai mi interessavo attivamente di mafia ed ero a Salerno con dei ragazzi molto in gamba di Libera Campania, per un convegno. Osarono, mi stupii io quella volta, non avere un’opinione del tutto favorevole del libro di Saviano, dicendo sostanzialmente due cose. Una, non rende giustizia all’antimafia. In quel libro dai toni cupissimi e ambientazioni infernali, effettivamente, l’unica speranza era di fatto rappresentata dalla testimonianza di Saviano, e quasi nient’altro. La seconda obiezione era questa: ma ti pare che i cinesi si prendono uno così, a lavorare per loro? Ma ti pare che un trafficante di rifiuti tossici si confida a uno incontrato in treno? qualcosa non torna.

Credulona come sono come persona, e scrupolosa come giornalista (pur trattando temi molto più pacati), non mi era nemmeno venuto il dubbio che Saviano avesse inventato queste cose. Le ha inventate? Non si sa. Il libro, ci arriveremo dopo e sarà molto ma molto complicato, gioca su una serie di ambiguità per quanto riguarda il rapporto tra autore, io narrante, e Saviano come persona; inoltre, non mi risulta che nessuno abbia mai chiesto pubblicamente: Saviano, ma tu veramente hai fatto questo che racconti?

Inoltre, e poi passo al libro di Dal Lago, la cosa che mi dava più fastidio con il passare del tempo era che Saviano fosse diventato un’icona, e qui la colpa non è tanto sua, quanto della pigrizia, retorica e fame di soluzioni facili dei giornalisti e degli intellettuali italiani. Perennemente osannato, intervistato, interpellato, citato anche su temi su cui altri sarebbero stati ben più competenti, difeso a spada tratta, Saviano era diventato tutto, troppo: martire, eroe, tuttofare, bollino di garanzia dell’antimafia, mito, gigantesca autorità morale… si era arrivati a questo: ipse dixit, quindi è vero. Quando ho letto qualcosa come “Saviano e i centomila”, titolo di un articolo di repubblica in occasione di una manifestazione nazionale contro le mafie e in ricordo delle loro vittime innocenti, ho capito: il fenomeno Saviano non porta alla ribalta l’antimafia, ma la oscura, soprattutto nei grandi media come il gruppo l’Espresso. E tutti gli altri? Le moltitudini, i magistrati, i giornalisti minacciati e sotto scorta che ancora lavorano proprio in quelle terre, i testimoni, i ragazzi delle cooperative sorte sui terreni confiscati, gli studiosi, Libera, Addiopizzo, gli attivisti al Nord e al Sud Italia, le associazioni, i preti antimafia… tutta questa gente, dov’è? C’è solo Saviano? Un solo “eroe” e sessanta milioni di imbelli?

Detto ciò, io ora sono di questa idea: Saviano ha il merito straordinario di aver parlato di mafia in un modo emotivo e travolgente, che toccasse le persone, le spingesse a interessarsi, magari anche ad attivarsi, a farsi delle domande, a darsi da fare. Saviano ha scritto un libro di cui si può dire di tutto, ma non che sia noioso -e il film tratto dal libro, poi, è un capolavoro, svetta assolutamente sul resto della produzione italiana. Quasi tutto quello che si legge sulla mafia, nella mia esperienza di alcuni anni, è un po’ una palla. Gomorra no, Gomorra è piuttosto indimenticabile. E quindi chi l’ha scritto è diventato famoso, e quindi l’ha gente si è svegliata e lo è stata a sentire. Questo io non lo nego e anzi lo rispetto. Ci sono poi due qualità innegabili della produzione letteraria e giornalistica di Saviano, e della persona stessa: il coraggio, e l’attivismo, l’attività instancabile. Anche per queste cose è diventato un mito. Ora però uno vuole essere libero di dire il resto. Veniamo al libro, e a quello che Dal Lago scrive.

(fine prima parte)

Annunci

7 risposte a “critiche a Saviano

  1. ciao,
    il problema “Saviano” io lo intendo così: egli usa un metodo populistico di comunicare, cioè fa il personaggio, racconta la sua storia più che la realtà.
    Ora, io credo sia immorale fare ciò, però funziona, è indubbio, riesce ad avvicinare le persone alla lotta alla Mafia. Non tutte le persone, molti probabilmente l’hanno conosciuto tramite la TV, e lì sta la sua forza, saper sfruttare le televisioni e i lettori di libri best-seller.
    Saviano comunica in una maniera “sporca” di una cosa sporca, la Mafia. Io penso che Saviano, in privato, si renda conto che si è un pò venduto ma accetta di farlo sperando di cambiare qualcosa.
    Io critico il populismo in generale, secondo me è il sistema ad essere sbagliato, Saviano ne approfitta soltanto e riesce a raggiungere chi è immerso nella comunicazione di massa, persone lontane da Libera (ad es. per pigrizia) o dalle notizie giudiziarie (per ignoranza in materia).
    Inoltre, ma non ne sono sicuro, è il primo a raggiungere un tale consenso popolare, forse proprio grazie alla sua dialettica, certamente superiore a quella dei magistrati che hanno scritto in passato. E’ una strada che vale la pena di provare ma che certamente non è esente da critiche.

  2. sì, ma cosa fanno le persone che lui raggiunge, poi? è proprio questo il punto.

  3. Pingback: la verità e l’autorità | gaia baracetti

  4. Saviano agirà anche a fin di bene, ma per me è solo un fenomeno mediatico creato prima da Mondadori per ‘Gomorra’, e poi amplificato in risonanza da ‘Repubblica’ e dalla redazione di ‘Che tempo che fa’.
    La differenza tra lui e noi comuni mortali è che se a noi capita di sbagliare, rispondiamo con uno «scusa!» imbarazzato, e facciamo quanto prima dietro-front; lui invece è più infallibile del papa, e se qualcuno osa anche soltanto mettere in dubbio le sue tesi, viene subito bollato come antagonista dell’anticamorra o dallo stesso Saviano (se l’autore della critica è un alto papavero), oppure dalla sua platea adorante (nella maggior parte dei casi).

    Quello che mi diverte è vedere come si innervosisce quando la realtà a volte fa fatica…. ad adattarsi alle sue rappresentazioni molto toccanti e di sicuro effetto. L’ultima figuraccia la fece pubblicando su Repubblica il solito pezzo ad effetto sul coprifuoco a Scampia, ampiamente smentito da tutte le realtà sociali locali che operano realmente e fattivamente sul territorio (vedi qui a partire dal timeframe 2.37).

    Per me è altamente inattendibile proprio per il suo modo di scrivere: dov’è che finisce la realtà e comincia la sua immaginazione (e viceversa) ?
    Su tanti temi di forte rilevanza sociale, l’assoluta aderenza alla realtà è fondamentale. Questo significa fare giornalismo, il resto è immondizia e retorici proclami morali. Rileggiamo Pasolini e Sciascia: la differenza è immediata e palese.

  5. Hai messo due volte lo stesso link 🙂
    Per il resto, sono d’accordo con te. Ci sono casi in cui il romanzare episodi reali è motivato da vuoti conoscitivi, anche se lo trovo sempre molto discutibile (mi viene in mente come Oriana Fallaci, che detesto ma di cui apprezzo il bello stile, riporti in ‘Un uomo’ conversazioni con Panagoulis che non poteva ricordarsi parola per parola, ma questo il lettore lo sa. È fastidioso ma comprensibile. So che ci sono esempi ancora più illustri e adatti al caso specifico, ma non li ho letti).
    La cosa allucinante, però, è incaponirsi su eventi di cui esistono resoconti e testimonianze, o prove documentali, oppure fare volutamente confusione tra vero e inventato, come in Gomorra. Nel secondo caso si tratta di vanità o malafede, nel primo se beccati è meglio dire: ho sbagliato, oppure: una fonte dice questo ma altre non sono d’accordo. È onesto e illuminante, però non produce televisione d’effetto.
    Sulle buone intenzioni, non ho motivo di dubitare di Roberto Saviano, d’altronde, quanti sono convinti di essere le persone giuste per fare cose buone? Senza autocritica e capacità di ascoltare le obiezioni altrui, si tratta di un’intenzione pericolosa.

  6. Scusami Gaia… se puoi correggere il post, il link esatto è questo:

    E’ che il CTRL di sinistra della mia tastiera sta passando a miglior vita, e gli unici due neuroni del mio cerebro sono in global spinlock (sigh!)

    Il tuo blog è uno dei pochi posti in rete dove è esercitato un sano diritto di critica a 360°; parafrasando Arrigoni: stay sharp-eyed ! 😉

  7. Corretto, e grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...