senza lavoro

La Repubblica ha raccolto storie, come li chiamano loro, della “generazione perduta“: giovani disoccupati, sfruttati, sottopagati, precari… “ci avete traditi, restituiteci la vita”, dice il titolo. Io penso, come ho sempre pensato, che se uno vuole una cosa se la deve prendere. Dobbiamo scendere tutti in piazza, a chiedere, secondo me, ammortizzatori sociali seri, così da non essere costretti ad accettare lavori a nero o umilianti pur di non morire di fame, e redistribuzione dei redditi, perché non si può sperare di andare avanti con questo modello economico che distrugge l’ambiente, pur di produrre e non far restare la gente senza lavoro. Comunque, io sto preparando un personale resoconto della mia esperienza lavorativa degli ultimi due anni, da pubblicare qui, sperando che non abbia quel tono lagnosincazzoso che hanno tutti i resoconti dei giovani italiani. A ragione, per carità. Ma forse sarebbe più utile trovare un sistema per lottare tutti insieme.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...