furti alla Cooperativa Valle del Marro Libera Terra

La scorsa estate ho partecipato assieme ad altri ragazzi ai campi estivi sui terreni confiscati alla mafia, in particolare io ero in Calabria, nella piana di Gioia Tauro, presso la Cooperativa Valle del Marro. Oggi mi è giunta la notizia che, per l’ennesima volta e come capita a tutte queste cooperative, ci sono stati dei furti di materiale per quasi 5000 euro. Questo è un fatto grave non  solo per l’aspetto economico ed il danno che arreca all’attività della cooperativa proprio in un momento in cui le attrezzature rubate erano indispensabili per fare dei lavori urgenti, ma soprattutto perché dimostra la prepotenza ed il potere mafioso in questa terra. Allo stesso tempo, significa che queste cooperative danno fastidio perché sfidano la mafia e funzionano, e questo è positivo. Allego qui sotto il comunicato stampa. Se qualcuno volesse dare una mano a riparare il danno, può fare una donazione anche simbolica a:

Valle del Marro – Libera Terra Società cooperativa sociale
Banca di Credito Cooperaivo di Cittanova
IBAN: IT54 P084 9281 3500 0000 0651 623

COMUNICATO STAMPA del22 Settembre 2009

Polistena, furto di attrezzature agricole nel centro aziendale della cooperativa calabrese di Libera.

Nuovi furti a danno della Valle del Marro – Libera Terra, la cooperativa sociale agricola di LIBERA, nata quattro anni fa per coltivare terreni confiscati alla ‘Ndrangheta nella Piana di Gioia Tauro. Questa volta  è stata presa di mira la sede operativa dell’Azienda, che si trova a Polistena, in via Pio la Torre nel complesso denominato “Ex Foro Boario”, dove da alcuni mesi fervono i lavori per la creazione del centro aziendale.

Nelle prime ore della mattina, i soci della cooperativa hanno scoperto il furto di tutte le motoseghe (4)  e di tutti i decespugliatori (4). Sono stati trafugati anche un atomizzatore a spalla e un generatore di corrente elettrica.

Il danno ammonta a circa 4.700 euro, ma le conseguenze del furto sono ancora più gravi. Proprio in questi giorni si rendevano indispensabili le attrezzature rubate per effettuare la pulizia (spollonatura, ecc.)  dei circa 70 ettari di uliveto affidati alla cooperativa – pulizia preliminare all’imminente campagna olivicola. Il furto costringe ad un blocco dell’attività lavorativa, che avrà pesanti ripercussioni sul ciclo di raccolta delle olive.

Già negli anni precedenti la mafia aveva colpito l’azienda biologica sabotandone i mezzi, rubando macchine e attrezzature agricole, devastando strutture e piantagioni, disseminando messaggi minacciosi. Le mafie non rinunciano facilmente all’obiettivo di isolare, svilire e far fallire l’economia del progetto Libera Terra che crea consenso sul territorio.

“Questi fatti ci amareggiano – afferma Giacomo Zappia, presidente della cooperativa -. Ci amareggia ancora di più che fra mille difficoltà ed emergenze da un punto di vista economico, ancora oggi l’azienda non possa dotarsi di impianti di videosorveglianza e ancora oggi  i suoi beni non siano coperti da assicurazione contro furti. E’ impensabile che un’impresa debba trovarsi di fronte alla frustrante alternativa tra pagare gli stipendi ai 15 dipendenti o dotarsi dei necessari sistemi di sorveglianza! Confidiamo nell’operato e nell’intervento delle forze dell’ordine, già ampiamente dimostrato in altre circostanze, per impedire uno stillicidio di eventi criminosi contro la nostra azienda”.

Per Domenico Fazzari, vice-presidente della cooperativa, “episodi come questi devono riempire d’indignazione tutta la comunità, a partire dalle famiglie dei lavoratori dell’azienda, gli amici, i collaboratori, le altre imprese: tutti devono sentirsi toccati e chiamati in causa. Questo furto nasce da quella cultura mafiosa che sta già soffocando le nostre vite, costringendo un territorio al sotto-sviluppo economico. E come se non fosse abbastanza,  ci avvelena con le navi affondate al largo, compromettendo il futuro dei nostri figli. Davanti a questi episodi bisogna gridare che non è più tollerabile un atteggiamento arrendevole verso i problemi della comunità. Bisogna riappropriarsi del proprio territorio e respingere quella mentalità mafiosa che si fa forte dell’ignavia della gente”.

Annunci

Una risposta a “furti alla Cooperativa Valle del Marro Libera Terra

  1. Darò un contributo all’associazione.
    Paola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...